All’ombra del Fujiyama – Parte Seconda: il post-punk.

Come ho scritto nel post precedente (leggi qui) il punk si affermò in Giappone proprio quando nel resto del mondo spopolava già il genere post-punk con tutte le sue innumerevoli sfaccettature. Questa sovrapposizione di generi creò un po' di confusione tra i giovani ma non impedì la nascita di una delle più floride realtà in... Continue Reading →

Spunk

Ma fosse questo il vero volto dei Sex Pistols? Centinaia di migliaia di "punk" dovrebbero gettare nel cesso la loro maglietta con scritto su Never Mind The Bollocks e strappare i poster che ancora capeggiano nelle loro camerette, dato che ascolterebbero una band totalmente diversa da quella che hanno conosciuto. Spunk uscì appena prima dell'album... Continue Reading →

Punk all’ombra del Fujiyama – Prima Parte

Ispirato da quello americano e da quello britannico, il punk ha trovato terreno fertile in uno dei paesi più tradizionalisti: il Giappone. All'ombra del monte Fujiyama il genere è stato volano per la nascita di una vera e propria sottocultura che tutt'oggi esiste sebbene abbia preso connotazioni diverse. Quando pensiamo al punk, ma anche al... Continue Reading →

Ecco come salvo il 2020

Ardua impresa trovare validi argomenti per salvare questo (maledetto!) 2020. Ci ho provato, dando più spazio al mio gusto personale che all'obbiettività, e sono giunto alla conclusione che sono solo tre i motivi per cui vale la pena spendere due parole per questo anno. 3 - Travis - 10 Songs Mancavano dalla scena da quattro... Continue Reading →

Il ritorno di Our Kid

Ormai lo sanno tutti e quindi, se qualcuno dovesse chiedersi cosa serve che ne parli anch'io, sappiate che la penso come voi. Tuttavia, Liam Gallagher, è ancora uno dei pochi rappresentati della mia gioventù, o meglio, è uno di quelli che non ha mai tradito le mie aspettative, sebbene siano quelle più frivole, in campo... Continue Reading →

Pinball Wizard Podcast – Puntata 2 del 13/11/2020

In questo secondo appuntamento con la programmazione di Pinball Wizard Podcast vi dedichiamo un'ora di musica proveniente dal mondo del Jangle Pop di metà anni Ottanta. Enjoy the music! https://www.mixcloud.com/andrea-volpin/pinball-wizard-podcast-seconda-puntata-jangle-pop-c86/?fbclid=IwAR0i-HjIlySCwoI_mAu3oB9xX7d6eEU30KcsBQIMaBVUH5NqN5u7tu_K5hY Tracklist: I Feel by The BodinesGold Rush by Positive EffectEver by SleepyheadIn A Garden by Murrumbidgee WhalersAudrey's Curtains by The Days100 Different Words by The... Continue Reading →

Non è mai troppo tardi…

... storia di un amore scoppiato in tarda età. Scoprii di Patti Smith solo quando Patti Smith aveva già deciso di smettere i panni della cantautrice per vestire quelli della scrittrice - per altro bravissima - di romanzi e poesie. La conobbi un giorno, quando vagando per una landa desolata, la radio passò "People Have... Continue Reading →

Pinball Wizard Podcast – Puntata 1 del 06/11/2020

In questo primo appuntamento con la programmazione di Pinball Wizard Podcast vi dedichiamo un'ora di musica proveniente dal mondo del Post Punk. Tracklist: https://www.mixcloud.com/andrea-volpin/pinball-wizard-podcast-prima-puntata-post-punk/ God In An Alcove by BauhausQuesto singolo non è certamente uno dei più famosi di Peter Murphy tuttavia mette in luce l'aspetto dark-glam assunto dalla band inglese fin dalla nascita. God... Continue Reading →

L’animo sociale della New Wave – Puntata 2

Proseguiamo il nostro piccolo viaggio alla scoperta dell'altro lato della New Wave, quello sociale e impegnato. In questo post analizzeremo altri quattro successi del periodo d'oro dei synth e dell'elettronica. Buona lettura. Enola Gay (1980) - Orchestral Manoeuvres In The Dark Il singolo, scritto da Andy McCluskey, venne pubblicato nel settembre 1980 cioè proprio mentre... Continue Reading →

Avrebbero potuto tornare, scelsero di non farlo

Ammetto che l'uscita di Be Here Now nel 1997 mi lasciò un po' sbigottito. Perché? Perché era un album che suonava diverso dai precedenti due, cioè quelli che mi avevano fatto innamorare della musica dei Gallaghers e, forse, del britpop. Tuttavia, sebbene sia stato - anche da me - un album criticato, quello era il... Continue Reading →

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: